saettone 1
Il Saettone o Còlubro di Esculapio (Zamenis longissimus) è un serpente della famiglia dei Colubridi.
Deve il suo nome ad Esculapio, dio greco della medicina, rappresentato con un bastone sul quale è intrecciato un serpente, simbolo della forza vitale che guarisce i mali.
L’habitat ideale è rappresentato dai boschi di caducifoglie e aree rurali ricche di vegetazione. È riscontrabile dal livello del mare sino, in alcuni casi, a 2000 metri di altitudine.
Il dorso mostra solitamente una livrea uniforme, dal rosato al giallo-verdastro. Il ventre è di colore chiaro. Gli esemplari più giovani sono di colore grigio chiaro, con piccole macchie scure disposte a formare un reticolo e possono assomigliare alla biscia dal collare (Natrix natrix).saettone 2
Può raggiungere i due metri di lunghezza, pur mantenendo un andamento agile ed elegante. È di abitudini prevalentemente diurne, sebbene nei mesi più caldi compaia anche al crepuscolo. Si nutre di piccoli vertebrati come roditori, lucertole e passeracei. Trascorre il letargo in anfratti, incavi dei muri e in tane ricavate nel terreno.
Status di Conservazione: la specie è citata nell’Allegato II della Convenzione di Berna (Convenzione relativa alla conservazione della vita selvatica e dell’ambiente naturale in Europa, ratificata con L. 5 agosto 1981 n° 503). E’ inserita nell’Allegato IV della Direttiva Habitat 92/43/CEE. Il deterioramento e la restrizione dell’habitat sono un importante fattore di minaccia.